home page



 introduzione

 Ricerca nell'archivio

 1733-1742

 1743-1752

 1753-1762

 1763-1772

 1773-1782

 1783-1792

 1793-1802

 1803-1812

 1813-1822

 1823-1833

 1834-1843

 1844-1853

 1854-1863

 1864-1873

 1874-1883

 1884-1893

 1894-1903

 1904-1913

 1914-1923

 1924-1933


 home page
Buddusò 200 anni di matrimoni (1733-1933)

Nel corso della sua lunga e onorata carriera di responsabile del centro culturale, grazie alla sua ricca e diversificata produzione libraria, Tomaso Tuccone ha dato un contributo fondamentale alla conoscenza e all'approfondimento della storia del nostro paese.
Il progetto di pubblicazione elaborato da Tomaso contiene diverse informazioni interessanti tratti dagli atti di matrimonio religioso.
Questa ricerca nell'archivio storico parrocchiale della nostra comunità è una patrimonio storico e scientifico d'inestimabile valore; i dati contenuti sono preziosi perche consentono di ricostruire la storia del passato e sono anche forse l'unica fonte da cui possiamo attingere per avere informazioni sugli ultimi quattrocento anni di vita del nostro paese.
Uno studio sulla nostra identità, sulle nostre radici, sulla nostra storia altrimenti destinata all'oblio. Senza queste fonti documentali non sarebbe possibile risalire agli anni precedenti all'unità d'Italia. I registri di Stato Civile, infatti, decorrono dal 1865.
Questo libro e un ulteriore faro che riesce a far luce nel tempo su un pilastro cardine della nostra societa, la famiglia unita dal rapporto matrimoniale.
La famiglia e il luogo in cui essa vive sono i due punti cardinali dell'orientamento sociale, i primi riferimenti identitari di ogni individuo che vive in una collettività, i due pilastri della coscienza di appartenenza.
riferimenti identitari di ogni individuo che vive in una collettivita, i due pilastri della coscienza di appartenenza. La famiglia è stata, nel bene e nel male, la cellula elementare della riproduzione, non solo biologica, ma anche di status e condizione sociale e dunque di comportamenti e di valori, che sono gli ingredienti di base di ogni costruzione identitaria.
I numerosi studi di storia e di sociologia della famiglia dimostrano che questa, oltre a rappresentare lo strumento per eccellenza dell'organizzazione sociale, costituisce anche il più importante riferimento nella sfera psicologica e sentimentale: essa e un valore in se, per cui possiamo considerarla uno dei luoghi reali e simbolici dell'identità.
Il matrimonio costituiva uno dei passaggi di maggiore importanza nella vicenda privata degli individui e delle famiglie, poiche attraverso di esso si realizzavano aspirazioni, si creavano alleanze, si determinavano situazioni patrimoniali e di status, ma rappresentava anche uno dei momenti fondamentali della vita pubblica a livello dell'intera comunità.
Nella società di oggi c'è un grande bisogno di riscoprire il significato e il fine del matrimonio e l'importanza della famiglia. La famiglia fondata sul matrimonio costituisce un patrimonio dell'umanità, un istituzione sociale fondamentale; è la cellula vitale e il pilastro della società e questo interessa credenti e non credenti.
Lo studio dei documenti matrimoniali ha permesso di osservare le vicende di chi si sposa secondo temporalità diverse: il presente dei documenti esaminati apre squarci nel passato e nel futuro degli sposi lasciando intravedere piccoli segmenti delle loro vite e permettendo solo in minima parte di ricostruire le biografie di persone vissute in un tempo lontano. Ma l'indagine biografica è se, oltre all'aspetto statistico, si vuole approfondire la storia del nostro comune nella sua complessità
. Buddusò come tutte le altre comunita, infatti, e attraversata da persone, con nomi e cognomi, che non possiamo ridurre a semplici valori numerici. Questi individui lavorano, viaggiano, osservano, scrivono e lasciano tracce di sè.
Ogni piccola informazione, anche quelle appuntate in margine alle pratiche o confuse nelle carte spaiate raccolte alla fine dei faldoni, costituisce in questo tipo di ricerca una tessera importante di un grande mosaico: la storia del nostro paese vista attraverso la vita dei suoi abitanti.
L' immagine di Buddusò che si ricava è quella di un paese complesso, percorsa da uomini e donne di ogni provenienza e condizione: una paese in continuo movimento.
Oltre all'uso in chiave genealogica, uno dei risultati più significativi dello studio dei matrimoni è rappresentato dalla possibilita di ricostruire le cosiddette aree matrimoniali, cioè la distribuzione geografica delle località di provenienza degli sposi. Tale operazione consente di stabilire in primo luogo il grado di endogamia/esogamia territoriale, cioe di apertura/chiusura della comunità studiata; ma serve anche ad indicare gli assi di gravitazione economica, sociale e culturale, nonchè ad evidenziare i punti di riferimento e i poli di attrazione esistenti nel periodo.
La storia del paese è fatta di mille storie, spesso difficili da ricostruire ma sempre affascinanti per chi vuole conoscere le nostre radici.
Lo studio fatto da Tomaso rappresenta, in assenza di altri documenti del nostro passato una preziosa fonte di informazioni sotto il profilo religioso, ma anche antropologico e culturale.
Per queste importanti ragioni l'Amministrazione comunale ha approvato e sostenuto la ricerca e la sua divulgazione.

GIOVANNI ANTONIO SATTA
Sindaco di Buddusò