home page loghinobibliotecaloghinosagre e festeloghinoiniziative culturali

 il territorio

 la vegetazione

 la fauna

 il centro storico

 la chiesa di San Quirico

 Santa Reparata

 le domus de janas

 i dolmen

 i nuraghi


 home page
Il paese

Budduso conta 4.145 (censimento del 2001 ), sorge a 690 m sopra il livello del mare e ha una superficie territoriale 176,97 km². E' circondato da sugherete, ed è famoso in tutto il mondo per il granito che costituisce una delle fonti principali di reddito.

L’abitato conserva ancora integri gran parte dei caratteristici edifici ottocenteschi in granito, di semplice ed elegante disegno, che insieme alle strutture murarie in blocchi granitici a vista caratterizzano fortemente il paesaggio urbano.
Nelle piazze, nei giardini e lungo tutte le vie del paese le eleganti quinte stradali fanno da sfondo alle sculture in granito installate ovunque, e su alcune facciate si possono ammirare pregevoli murales.

Il territorio di Buddusò presenta segni di insediamenti umani fin dalla preistoria e al periodo romano risalgono le tracce del centro romano Caput Tyrsi presso le sorgenti del Tirso. Le notizie relative alla presenza di un villaggio identificabile con quello attuale risalgono al periodo medievale. Dal secolo XI e fino al 1272 fece parte nel Giudicato di Torres della Curatoria di Lerron occupata dalla seconda metà del XIII secolo dal giudice d’Arborea. Con la conquista dell’Isola da parte dei Catalano-Aragonesi (1420) le sue vicende rimasero legate fino al 1843 alla signoria di Oliva.